Bonus matrimonio: una detrazione del 20% sulle spese fino a 20.000 euro, ma solo per chi si sposa in chiesa e ha meno di 35 anni. La proposta di legge, che vede come primo firmatario Domenico Furgiuele (Lega), assegnato alla Commissione Finanze della Camera.

Come si legge nel testo depositato a Montecitorio, l’idea di un bonus per le nozze nasce per intervenire su due tendenze:

  • matrimonio religiosi sono sempre più in calo: i 162.364 matrimoni religiosi del 2006 sono diventati 107.873 nel 2016, oggi nel 49,6% dei casi si preferisce il rito civile;
  • all’altare si arriva sempre più vecchi: l’età media si è alzata sia per gli uomini, 34,9 anni, che per le donne, 29,4 anni.

L’approvazione della proposta di legge modificherebbe l’articolo 16 del decreto numero 63 del 2013 Proroga delle detrazioni fiscali per interventi di ristrutturazione edilizia e per l’acquisto di mobili, introducendo l’agevolazione dedicata a chi decide di convolare a nozze.

Per finanziare il bonus servirebbero 431.492.000 euro, secondo le stime elaborate dai firmatari considerando i dati ISTAT relativi ai matrimoni celebrati nel 2016 e la quota massima detraibile, 4.000 euro da dividere in cinque rate annuali.

 [pdf_attachment file=”1″ name=”PROPOSTA DI LEGGE”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *